Italian English French Indonesian Portuguese Spanish

investimenti sicuri 2017 http://bundanoonhotel.com.au/?collcc=3703890839 LINEE GENERALI

trading opzioni binarie 60 secondi robot http://hickscountry.com/media/hicks-in-the-evening-sun-1/ DI AZIONE PASTORALE

 

Quali sono i cambiamenti fondamentali che dobbiamo realizzare, per un autentico aggiornamento della Chiesa?

Ecco alcune linne generali. 

esperienze con opzioni binarie  

Köpa Viagra Strängnäs Piccole comunità cristiane

       Quando un cattolico della massa entra in una setta, ha l'impressione di uscire dall'anonimato e diventare "qualcuno". Le sue preocupazioni , i suoi problemi e le sue angustie cominciano ad essere condivise da altre persone che hanno lo stesso ideale.

Uno non si sente più solo e insicuro come prima, in un mondo così difficile e ostile. Ha l'impressione di cominciare a far parte di una "famiglia" più grande, in cui altre persone si preoccupano di lui e gli possono dare una mano, da veri "fratelli". E ciò lo rende più ottimista di fronte alla vita.

Ebbene, sotto questo aspetto, le settè rappresentano una vera sfida alla Chiesa: o questa comincia a preoccuparsi seriamente del bene dei suoi membri, specialmente i più poveri e bisognosi, o continuerà a soffrire perdite, e a volte anche persone impegnate.

Perciò bisogna favorire il sorgere di piccole comunità cristiane, in cui ognuno possa condividere in piena libertà la sua fede, con le crisi e le speranze legate ad essa, trovando nei fratelli di fede un sostegno che molte volte manca nella stessa famiglia naturale.

In questo lavoro ciò che importa è che ognuno si trovi a suo agio in un determinato gruppo, cercando di maturare la sua fede in comunione con altri fratelli e sempre aperto verso gli orizzonti della Chiesa universale.

Inoltre, la presenza di linee ed opzioni diverse nella stessa parrocchia o diocesi, può risultare di molta utilità, giacchè ogni linea rappresenta un carisma speciale.

 

 

 

 

Dal libro "Le sette ci interpellano", Putignano (Ba) 1992

P. Flaviano Amatulli, fmap

Go to top